mercoledì 22 settembre 2021

WWW.. Wednesday! #251

Sebbene la pigrizia ieri sera stesse per cogliermi - anche perché ho finito più tardi del previsto di guardare degli episodi di un telefilm - alla fine ho deciso di tenere duro e mettermi a scrivere questo post. Direi che mi merito un applauso.


WWW Wednesday è una rubrica settimanale ideata da Should be Reading in cui vi mostro le mie letture passate, presenti e future.



What did you just finish reading? (Cos'hai appena finito di leggere?)


Ho ascoltato Not Cinderella's Type di Jenni James e posso dire che è forse il peggiore retelling di Cenerentola nel quale sia mai incappata - sia a livello di libri che di film. Ha dalla sua che si legge molto velocemente perché è davvero breve, ma ci sono state tante cose alquanto cringe. Recensione QUI.
Discorso molto diverso per Better Than the Movies di Lynn Painter - e oddio, quanto l'ho amato. L'ho amato così tanto che ho ascoltato 10 ore e mezza di libro in poco più di un giorno e ieri mi sono anche comprata il cartaceo - che dovrebbe arrivare giovedì. La recensione l'ho già scritta e leggerete il mio sclero venerdì.  
 
 
 
What are you currently reading? (Che cosa stai leggendo in questo momento?)
 

The Darkness Outside Us di Eliot Schrefer lo devo ancora iniziare, quindi non vi so dire proprio niente a riguardo.
 
 
 
What do you think you'll read next? (Che cosa pensi di leggere dopo?)
 

Seguendo la scia del libro che devo iniziare ad ascoltare, su Storytel hanno messo recentemente dei libri che mi erano stati rifiutati su NetGalley e usciti proprio in queste ultime due settimane - penso quindi di iniziare da Not Here to Be Liked di Michelle Quach e proseguire poi con As If on Cue di Marisa Kanter, di cui ho già letto/ascoltato l'anno scorso What I Like About You. E niente, a giudicare dalle mie letture a quanto pare è il periodo del trope "enemies to lovers" e nessuno mi ha detto niente. 
 
---
 
Il WWW Wednesday finisce qui - raccontatemi come procedono le vostre letture, se anche voi vi siete ritrovati a seguire uno schema oppure un filo conduttore e ve ne siete accorti solo guardando un post come questo. Ci sentiamo presto qui sotto nei commenti oppure nel vostro blog se mi lasciate il link!

martedì 21 settembre 2021

[English Review] "This Is Why We Lie" by Gabriella Lepore | Blogtour

Happy release day!  
 
Oh, lo so che voi questo libro l'avete già visto e avete anche già letto la recensione italiana... ma i nostri amici che parlano inglese invece no e quindi quale occasione migliore se non il giorno esatto in cui esce questo romanzo?
 
 


First of all, thanks to NetGalley and Inkyard Press for approving my request in exchange for a honest review. You can also find it on Goodreads and NetGalley - the Italian one is here.
You have to know English isn’t my first language, so feel free to correct me if I make some mistakes while writing this review.


Title: This Is Why We Lie
Author: Gabriella Lepore
Publication Date: September 21st 2021
Pages: 320 (Kindle Edition)
Publisher: Inkyard Press
Amazon
Link: https://amzn.to/3sL3KbR

Plot: Everyone in Gardiners Bay has a secret.

When Jenna Dallas and Adam Cole find Colleen O'Dell's body floating off the shore of their coastal town, the community of Gardiners Bay is shaken. But even more shocking is the fact that her drowning was no accident.

Once Jenna's best friend becomes a key suspect, Jenna starts to look for answers on her own. As she uncovers scandals inside Preston Prep School leading back to Rookwood reform school, she knows she needs Adam on her side.

As a student at Rookwood, Adam is used to getting judgmental looks, but now his friends are being investigated by the police. Adam will do whatever he can to keep them safe, even if that means trusting Jenna.

As lies unravel, the truth starts to blur. Only one thing is certain: somebody must take the fall.


--- ---

Oh, how much I liked this mystery YA!

It's dawn on a late September morning - Jenna is on the pier taking some photos for her portfolio when she hears a voice calling for help. Once she rushes to the beach, she recognizes Adam carrying in his arms the dripping and lifeless body of a girl, Colleen.

Jenna and Colleen went to school together, although it can't exactly be said that they were friends; Adam is a guy they know relatively.

But everyone's lives are more connected than they can imagine - and gossip certainly doesn't help. Nor does the quarrel that Jenna's best friend Hollie had with Colleen the day before she died with the whole student body as witness.
Jenna, however, is convinced of Hollie's innocence and is ready to bet everything on the Rookwood guys - Colleen wasn't as innocent as everyone is painting her: she liked to party and never missed the parties organized by the Rooks.

Everyone has a reason to lie: Jenna, Hollie, Adam, Jenna's other friends from Preston, Adam's friends.
But what they try to protect by lying is only about them or could it also be about hiding a murder?


I really appreciated the double point of view: Jenna's takes us to an all-girl school attended by rich girls, where Jenna is only there because her mother made money with her travel blog and was able to send her there while leaving her to live with an aunt; Adam's takes us almost "next door" to Rookwood - a school where troubled kids with a messed up past are given a second chance to straighten their lives instead of going to jail.

Jenna and Adam aren't exactly friends, but they know each other: Jenna's other best friend, Serena, is dating one of Adam's best friends, Max. Jenna has been to Rooks parties a few times, but they've never been her "scene" and she never trusted the boys of that school too much.
But now they have to work together, still it's hard to stop lying - especially when you're trying to find out what the other person knows without revealing what you know instead. While Jenna is determined to exonerate Hollie and is convinced that the boys knew Colleen more than they let on, Adam is willing to do anything as long as the cops stay away from him, Max and Tommy.

We discover their personalities little by little and I liked Jenna in particular because I saw myself is a few of her characteristics: she’s always the one who tries to mediate, to see the good in a situation and to justify people – I’m mainly talking about friendships, when she tries to never speak ill of anyone especially following Serena's abandonment in favor of more popular girls like Imogen, Brianna and Colleen.

Adam, on the other hand, is a victim of circumstances and a past that hasn't done him any favors. The Rooks are his brotherhood, Max and Tommy are his family – he’s loyal to the impossible.

The flashbacks - although at times I would have liked to have a temporal location that would make them immediately clear - help to reveal what we have lost in the lives of the characters before meeting them on the beach, shed light on some dynamics and reveal how the protagonists came to be what they are.

I had no idea who the culprit was until I was practically at 90% of the book - only then did I start putting the pieces together and remembering some details that I had read previously and that the author has placed in strategic places.

It has great pacing, captivating writing that intrigues the reader, and the chapters - interspersed with message exchanges and police interrogation transcripts - are short, just the right length to make you say "just one more" and suddenly you find yourself reading half of the book.
I liked the way friendship is portrayed and I liked especially how none of the female characters is a cliché in itself - even Colleen, who sometimes resembled the mean girl with the things she used to say and the way she seemed to behave, had a good side and cared about Serena in her own way.
Too bad for the ending which is a bit rushed - we are told what happens and not shown, so an extra chapter would not have hurt to see the consequences on all the characters involved and not just on some of them (and not even that much).

However, it remains a very good mystery YA, as good as I haven't read for a long time because they always had some aspect - mystery or character - that disappointed me. This one is super approved!


lunedì 20 settembre 2021

[Recensione] "Not Cinderella's Type" di Jenni James

Avrei dovuto pensare che probabilmente avrei perso quattro ore e mezza della mia vita con questo libro se le recensioni su Goodreads avevano ragione. 
Io però sono andata avanti lo stesso perché sono masochista e quindi eccoci qui, con la recensione al peggior retelling di Cenerentola mai letto.
 
 
Titolo: Not Cinderella's Type
Serie: Modern Fairy Tales #1
Autrice: Jenni James
Data di uscita: aprile 2018
Data di uscita originale: febbraio 2016
Durata: 4H 27Min (Storytel Edition)
Editore: Serenity Brooke Press
Link Amazon: https://amzn.to/3kfiqNM

Trama [tradotta da me]: Indy Zimmerman ha un nuovo stalker che non ha intenzione di lasciarla in pace, non importa quello che lei gli dica. E lasciamo perdere il fatto che sia uno dei ragazzi più popolari a scuola—lei è sicura che Bryant Bailey stia solo cercando di mettere a tacere la sua coscienza dopo averle praticamente distrutto la vita. Ma quando Bryant non molla e insiste per instaurare una sorta di bizzarra amicizia con lei, inspiegabilmente funziona e le due difese iniziano piano piano a crollare. Lui non è il suo tipo. Lei non è mai stata attratta da ragazzi come Bryant, ma non ha neanche mai conosciuto qualcuno così testardo e premuroso o che fosse in grado di farle confessare cose che non direbbe nemmeno al suo migliore amico.

--- ---

TRIGGER WARNING: pensieri suicidi, abuso psicologico, morte di un animale. 


Premessa: forse sono scema io, ma dalla trama non avevo affatto capito che si trattasse di un retelling di Cenerentola e, lasciatemelo dire, in quanto a lunghezza sembra più una fanfiction ed è il peggiore che abbia mai letto. 

Essendo molto breve, potete poi scommetterci la testa che è presente un instalove. 

 
Indy - il cui vero nome è Cindy Ella - ha passato le ultime settimane ad evitare Bryant come la peste e lui semplicemente non recepisce il messaggio. Lui continua a seguirla, a tentare di parlarle per scusarsi di quello che è stato un tragico incidente, ma Indy ce l'ha a morte con lui. 
 
Ora, non so se scriverlo o no perché potrebbe essere spoiler, ma se guardate i trigger warning potreste capire a cosa mi riferisco. Insomma, Indy la potevo capire - il primo che provasse a torcere un singolo pelo alla mia Alaska non farebbe in tempo a tirare il prossimo respiro e io so essere veramente rancorosa - ed essendo Miss Wiggins l'ultima cosa che le restava di sua madre era ancora più comprensibile la sua rabbia. Quindi col cavolo che sarei stata tutta lovey-dovey con Bryant - gente, io porto ancora rancore a delle persone per cose avvenute all'asilo. ALL'ASILO. Quindi figuratevi se qualcuno facesse qualcosa alla mia Alaska. 

Il problema è che bastano due moine e subito Indy è preda dell'instalove per Bryant - e prima che diciate qualcosa, Bryant quasi le dice di amarla già quando sono ancora alla prima vera conversazione in cui si aprono un po' l'uno con l'altro. 

L'altro problema è il suo migliore amico Maxton, convinto che stessero insieme da un anno. Pronto? Quasi non sai come sia la sua situazione a casa, non vi vedete mai fuori da scuola perché lei è sempre in punizione e a fare i lavori domestici, non vi siete manco mai baciati o presi per mano e, quando ti parla tutta felice di come si è evoluta la situazione con Bryant, salti su dicendo: "ma gli hai detto che hai un fidanzato?" 
Ma quando? Ma dove? 

In generale è tutto molto caotico, con Bryant che dice ad Indy che le cose tra loro si stanno facendo serie troppo in fretta - e su questo potrei anche dargli ragione - e che per questo, al fine di "guarire e trovare se stessa", dovrebbe uscire e stare con Maxton che è più il suo tipo. E questa disgraziata che risponde? "Sì, va bene." *inserire facepalm*

Le cugine/sorellastre si vedono poco, ma in compenso abbiamo uno zio che fa davvero paura - quel momento e quella discussione sono stati scritti bene perché anche il lettore si sente fortemente a disagio e teme per la vita di Indy.
Peccato che appunto, essendo breve, manca di approfondimento psicologico - che però ci viene dato da Bryant che, solo perché suo padre è psichiatra, a diciassette anni parla come se avesse già la laurea in mano e più che essere il "ragazzo" di Indy, sembra invece il suo terapista. Seriamente, Bryant deve spiegare tutto per forza - anche a Indy per farle capire è abusata e lei manco se ne rende conto della situazione in cui vive.

Ha dalla sua che si legge molto velocemente, ma è troppo breve perché situazioni e personaggi siano esplorati e in generale è costruito abbastanza maluccio - di Cenerentola c'è solo lo scheletro, per il resto è la storia di un instalove. 

sabato 18 settembre 2021

[Recensione] "Meet Cute Diary" di Emery Lee

Ve l'avevo promessa per giovedì, ma avendo pubblicato tardi il WWW Wednesday non ho voluto fare due post troppo ravvicinati - e poi, diciamoci la verità, questa recensione l'ho scritta proprio giovedì pomeriggio, quindi...
 
 
Titolo: Meet Cute Diary
Autrice: Emery Lee
Data di uscita: 4 maggio 2021
Durata: 7H 03Min (Storytel Edition)
Editore: Quill Tree Books
Link Amazon: https://amzn.to/3ng7X6r

Trama [tradotta da me]: Felix Ever After incontra Becky Albertalli in questa estasiante e sincera rom-com su come il primo amore di un adolescente transgender mette alla prova le sue idee su come dovrebbe essere una relazione perfetta.

Noah Ramirez pensa di essere un esperto di storie d'amore. Deve esserlo per il suo famoso blog, il Meet Cute Diary, una collezione di "e vissero tutti felici e contenti" trans. C'è solo un problema—tutte le storie sono false. Quello che era cominciato come le fantasie di un ragazzo trans spaventato all'idea di uscire allo scoperto, è poi diventato un faro di speranza per i lettori trans di tutto il mondo.

Quando un troll smaschera il blog come finzione, il mondo di Noah va in pezzi. L'unico modo per salvare il Diario è convincere tutti quanti che le storie sono vere, ma non ha nessuna prova per farlo. Poi Drew entra nella vita di Noah e tutti i pezzi vanno al loro posto: Drew si rende disponibile ad uscire per finta con Noah per salvare il Diario. Ma quando i sentimenti di Noah si evolvono in qualcosa che va al di là della loro storia d'amore costruita a tavolino, si rende conto che uscire con qualcuno nella vita reale non è esattamente la stessa cosa che trovare l'amore su una pagina.

In questo affascinante romanzo scritto da Emery Lee, Noah dovrà scegliere tra seguire le proprie regole in amore oppure scoprire che i finali più romantici sono quelli che non seguono una sceneggiatura.
 
--- ---
 
Dunque: io ero partita carichissima con questo libro perché aveva tutti i tropes che normalmente amo in un romance YA. Poi mi sono smontata come la panna. 

Noah si dimostra ben presto un personaggio insostenibile: non solo è sempre attaccato al telefono, non sono parla del Diario in ogni singola frase che pronuncia e la mette giù come se il mondo dovesse andare in fiamme se non salva il suo blog, non solo ha un ego grande come tutti gli Stati Uniti e dà tutti quanti nella sua vita per scontati, non solo dà a noi Millenials dei decrepiti con un piede nella fossa... ma non è neanche capace di camminare per venti minuti senza aver bisogno di chiamare un Uber. 

Seriamente: lui è a Denver in Colorado con il fratello Brian che deve iniziare il college mentre i loro genitori organizzano il trasloco dalla bigottissima Florida alla più liberale California e ha disposizione una carta di credito con 400 dollari per provvedere al cibo durante l'estate. Bene, lui 400 dollari li fa secchi in una settimana a suon di passaggi in Uber per la ricerca di location in cui ambientare i suoi finti Meet Cute. Poi si lamenta che sua madre non gli vuole ridare la carta di credito ed è estremamente oltraggiato dalla proposta di trovarsi un lavoro e ingrato nei confronti di Brian quando questo gli trova un lavoro al campo estivo dove lavora anche lui. 

Ora: è vero che anche io sono ancora dipendente economicamente dai miei genitori alla mia "veneranda età" perché qui, se non è stagione turistica, è difficile trovare qualcosa di stabile. Ma è anche vero non spendo 400 euro alla settimana in Uber e di sicuro non chiamo i miei genitori "la mia banca" come fa Noah. 

Anche le grandiose premesse del Meet Cute Diary iniziano presto a cadere come pedine del domino: se quando viene smascherato - perché poi ha la fantasia di un bradipo e ambienta tutte le sue storie a Miami e tutte hanno protagoniste coppie M/M e non F/F o M/F - perde migliaia di follower al giorno, possibile che con un seguito del genere e anni di attività, nessuno gli abbia mai fornito tramite un Ask in anonimo su Tumblr la sua storia di Meet Cute così da rendere le storie pubblicate almeno in parte vere e con esperienze reali?

Anche la storia con Drew è di un cringe assurdo: non solo si tratta di un instalove con tanto di dichiarazioni d'amore immediate, ma Drew capisce di avere davanti l'autore del Meet Cute Diary solo leggendo un paio di storie in cui è certo di riconoscersi e subito si dichiara un grande fan e volenteroso nell'aiutare Noah a mettere a tacere i troll mettendo in scena la più grande storia d'amore EVAH. L'ho già detto cringe?
Che poi dopo Noah accusa Drew di aver mentito - cosa che in effetti ha fatto - ma Noah allora? Perlomeno la loro storia serve a dare una rappresentazione di cosa significa vivere una relazione tossica. 

A salvare in parte questo libro ci sono Brian, Becca e Devin. 

Brian, il fratello di Noah, è fin troppo generoso e comprensivo e ha il suo momento più alto quando difende Noah da diversi commenti transfobici che gli costano anche una persona a cui teneva - e che Noah non mai nascosto di disprezzare.
Becca è la migliore amica di Noah, il quale pretende che risponda ogni volta che la chiama e la tartassa quando non può perché sai, magari è impegnata con la sua vita e Becca ad un certo punto è costretta a fargli un discorsetto - ma no, Noah è tutto un buahhhh, il mondo ce l'ha con me!

Devin, oh Devin - se il libro avesse avuto te come protagonista invece di Noah, sarebbe stato tutto molto più interessante. 
Descrivere Devin in italiano è difficile perché non abbiamo pronomi neutri quindi userò qualcosa che ho visto in un'altra recensione di un altro libro con un personaggio non-binario: lxi. Il genere assegnato alla nascita a Devin è quello maschile, ma per un po' ha pensato di essere una femmina e ha fatto coming out come trans. Per certe persone è difficile capire esattamente chi si è e Devin sta ancora lottando per capirlo - oltre a lottare ancora contro i ricordi del bullismo a scuola che l'hanno spint* quasi al suicidio, l'ansia e gli attacchi di panico. Devin prima si definisce non-binary, ma anche quella è un'etichetta che non sente sua - i suoi pronomi (in inglese) cambiano da they/them a xe/xem fino ad arrivare a e/eir/em. 
Devin è estremamente sensibile, dolce ed è il personaggio che sicuramente si meritava più di tutti gli altri di essere esplorato - continua ad essere gentile con Noah anche quando questo palesemente non se lo merita. 

Insomma, è stato un ascolto piacevole che dura il tempo di un'estate in Colorado e a me piacciono i personaggi unlikeable, ma c'è unlikeable e unlikeable e Noah decisamente NON cade nella categoria che piace a me - sempre a parlare del Diario, sempre attaccato al telefono, sempre concentrato su stesso e neanche un accenno di crescita personale. 
Ho apprezzato comunque l'idea del Diario in sé, un posto sicuro in cui chi viene discriminato ed è oggetto di transfobia può sperare e sognare il suo lieto fine e Noah aveva tutte le possibilità e le occasioni per farlo diventare reale invece di continuare a mantenerne strettamente le redini mentendo.

L'intento era nobile, l'esecuzione... no. 
A salvare questo libro ci sono solamente i personaggi secondari.

venerdì 17 settembre 2021

Singing the Book #34

Eh sì, il mese scorso è saltato l'appuntamento - ora spero di vincere la pigrizia e la procrastinazione che accompagnano sempre la stesura di questo post e tornare ad essere puntuale ogni metà del mese.

Singing the Book è una rubrica inventata da me a cadenza assolutamente casuale nella quale vi mostro (e racconto) libri il cui titolo è lo stesso - o con qualche piccola variante - di canzoni che amo oppure ho amato e che potrebbero o non potrebbero c'entrare affatto con la trama.

Siamo al trentaquattresimo appuntamento e oggi parliamo come al solito di abbinamenti che mi sono capitati per caso tra le mani.

--- --- ---

One Last Child di Anni Taylor / One Last Time - Hamilton OBCR
 
Ovviamente questa associazione è nata l'anno scorso, durante il picco della mia fissa/ossessione per il musical Hamilton - non che la fissa sia passata, eh... diciamo che è scesa a livelli gestibili. Detto questo, mi sembra assai inutile dire che libro e canzone non c'entrano assolutamente niente: il libro è un thriller - e con una copertina del genere, di certo non avevate bisogno che ve lo dicessi io - che non sembra neanche male, la canzone invece è nel secondo atto del musical e ha come argomento Washington che decide di non candidarsi di nuovo come presidente e ritirarsi a vita privata - e siccome sono una persona molto generosa, vi lascio anche il video di una versione cantata live da Lin-Manuel Miranda e Chris Jackson. In realtà potrei linkarvene tante, tra cui anche quella alla Casa Bianca di fronte ad Obama, ma non voglio esagerare. 
 

 
 
Paranoid di Lisa Jackson / Paranoia degli A Day To Remember

Questo abbinamento è stato molto facile - così facile che non ho neanche dovuto pensarci. Gli A Day To Remember compaiono spesso in questa rubrica, ma a questa canzone sono particolarmente affezionata e non posso credere che siano già passati cinque anni da quando è stata rilasciata come singolo. Dovete sapere che non avevo neanche finito il primo ascolto di Paranoia e già la odiavo - questo perché venivo dall'album Common Courtesy del 2013 che era molto più soft e che aveva visto una presenza ridotta dello screamo rispetto ai soliti standard degli ADTR. E insomma, a me le canzoni completamente screamo non piacciono, mi piace equilibrio tra loro e la parte melodica. Paranoia parte proprio con lo screamo e mi ci sono volute più di 24 ore per riascoltarla un'altra volta sapendo a cosa andavo incontro. Risultato? Poi l'ho amata e continua ad essere una delle mie canzoni preferite. Il libro - come si può evincere - è un thriller e sì, la protagonista sembra spaventata e paranoica e questi sono elementi in comune con la canzone, ma per il resto prendono strade diverse.
 

 

Wake Me Up Inside di Cardeno C. / Bring Me To Life degli Evanescence

Con un titolo così come si fa non farsi venire in mente la canzone degli Evanescence del 2003 che è diventata un successo mondiale? Me lo ricordo ancora: il film di Daredevil al cinema sul finire della terza media, io e la mia ex-migliore amica che eravamo con quest'altra nostra compagna di classe che era assolutamente fissata con Ben-non-ho-espressività-facciale-Affleck e questa canzone che è stata amore al primo ascolto. Ho voluto avere il CD a tutti i costi e l'ho amato tutto, l'ho ascoltato così tante volte in loop che è un miracolo
se ancora funziona - ricordo pure di averlo prestato ad un'altra mia compagna di classe, questa volta al liceo nello stesso anno, e maledetta la volta che l'ho fatto visto che era finito schiacciato nel suo zaino e si era fatta una crepa tremenda sul davanti della custodia. Me le ricordo ancora le canzoni di quel disco, anche se adesso è davvero da una vita che non le ascolto. Il libro è un paranormal romance M/M e, se la prendete un po' alla larga, con la canzone (e il suo messaggio) ci potrebbe anche stare. 
 

 

Not over You di Amanda Torrey / Getting Over You dei The Used

Non ricordo se in questa rubrica mi sia mai capitato finora di parlare dei The Used oppure se questa sia la prima volta - almeno in questa rubrica perché invece ricordo una recensione di un libro che, per trama e/o personaggi, mi aveva fatto venire in mente una loro canzone. Forse proprio questa, oltretutto. I The Used li ho scoperti quando la mia fase emo durante l'adolescenza ha cominciato a farsi seria - ricordo ancora che la prima canzone loro che sentii fu The Taste of Ink. In realtà sono sempre stata più fissata con alcune canzoni in particolare [I Caught Fire (In Your Eyes) è ancora uno dei miei grandi amori] piuttosto che con gli interi album e infatti non mi sono mai reputata una vera fan - avevo quelle canzoni specifiche che mi piacevano e difficilmente uscivo dal seminato e una volta finito il liceo e lasciatami alle spalle alcuna della musica che ascoltavo in quegli anni e che non sentivo più come mia o rappresentativa della persona che ero diventata, anche i The Used sono finiti nel "dimenticatoio". Quando però coglievo voce di un nuovo album ci riprovavo e dell'album del 2009 mi è rimasta Kissing You Goodbye, mentre la canzone in oggetto viene dall'album del 2012 - poi davvero non mi sono più tenuta aggiornata. E tornando quindi in argomento, data la trama del libro la canzone ci sta anche. 
 

 

Fearless di Fern Michaels / Fearless di Taylor Swift

Se da una parte ero una emo in crisi (pun intended) che ascoltava screamo e quant'altro, dall'altra parte evidentemente si era conservata una parte di me che invece era ancora amante di cose più soft. E non ricordo quando è stato e neanche in che circostanza, ma ricordo che una sera ero in macchina con le mie amiche ed io ero seduta dietro e c'era la radio accesa quando, al di sopra o al di sotto delle chiacchiere che dir si voglia, ho sentito questa canzone mi ha colpita dritta al cuore: era Love Story di Taylor Swift. Ma all'epoca non sapevo né il titolo della canzone e neanche chi la cantasse e mi ci è voluta tutta la mia buona volontà - e una sana dose di testardaggine e buona fortuna - per riuscire a svelare l'arcano grazie ad internet e a quello che ricordavo. E sebbene fosse il secondo album pubblicato di Taylor, Fearless fu il primo che io ascoltai e fu amore immediato dalla prima all'ultima canzone - è stata l'unica volta che ho amato un suo album nella sua interezza. Con questo libro la canzone che dà il titolo all'album non c'entra niente e neanche con il Fearless di Tamara Kendall.
 

 
---

Siamo giunti alla fine di un altro appuntamento e come al solito vi rinnovo l'invito a commentare sotto per farmi sapere se conoscete qualcuna di queste canzoni, se vi piacciono oppure se qualcuno dei libri vi incuriosisce! 

mercoledì 15 settembre 2021

WWW.. Wednesday! #250

Di solito programmo il post per la mattina presto ma, punto primo, ieri sera non avevo voglia di scrivere il WWW e, punto secondo, sapevo che già oggi ci sarebbero stati degli aggiornamenti e così ho deciso di aspettare.


WWW Wednesday è una rubrica settimanale ideata da Should be Reading in cui vi mostro le mie letture passate, presenti e future.



What did you just finish reading? (Cos'hai appena finito di leggere?)



Ho letto e concluso in anteprima This Is Why We Lie di Gabriella Lepore, la cui recensione in inglese andrà online la settimana prossima in occasione del blogtour. L'ho trovato un mystery YA molto carino, al di sopra degli ultimi che mi era capitato di leggere e che in qualche modo "peccavano" sempre di qualche mancanza. La recensione in italiano potete già leggerla QUI.
In questi due giorni ho dovuto portare io mia nonna a fare fisioterapia invece di mia madre, quindi - impossibilitata ad usufruire di Storytel - mi sono portata dietro due letture molto veloci: Il vampiro di John Polidori e La legge di Murphy di Arthur Bloch. Quello di Polidori è forse il primo racconto su un vampiro messo per iscritto che esula dalle leggende che sono sempre circolate per passaparola - non fa paura e ha uno stile macchinoso che porta a dover rileggere le frasi più e più volte - mentre il secondo prende il famoso detto "se qualcosa può andar male, lo farà" ed esplora tanti altri modi di dire (pessimisti) che non smettono mai trovare applicazione nella vita reale. 
Infine ho concluso poco fa Meet Cute Diary di Emery Lee - ero partita carichissima e mi sono smontata come la panna. Vi dirò poi nella recensione che spero di riuscire a pubblicare domani o sabato tuttalpiù - venerdì vorrei riprendere con il Singing the Book, ma devo ancora scriverlo. 
 
 
 
What are you currently reading? (Che cosa stai leggendo in questo momento?)
 

Tecnicamente niente, ma vorrei ascoltare Not Cinderella's Type di Jenni James - dalle recensioni su Goodreads credo sarà terribile e in fondo io sono masochista, ma ehi, dura solo quattro ore e mezza. 
 
 
 
What do you think you'll read next? (Che cosa pensi di leggere dopo?)
 

Già scaricati offline su Storytel ho Better Than the Movies di Lynn Painter e The Darkness Outside Us di Eliot Schrefer - il secondo non vedo davvero l'ora di ascoltarlo e il primo... beh, casco sempre nella trappola dei tropes romance young adult. 
 
---
 
WWW Wednesday un po' più ricco del solito e per questo spero di essermi fatta perdonare per il ritardo. Voi che mi dite invece? Come vanno le letture?

lunedì 13 settembre 2021

What's on my bedside table? #93 | "Meet Cute Diary" di Emery Lee

Questa rubrica non vede la luce di metà giugno e quindi, ora che forse sono tornata ad avere una sorta di ritmo, è giunto il momento di rispolverarla

What's on my bedside table? è una rubrica ideata da Valy di Sparkle from books, in cui, nel giorno di lunedì, vi viene mostrato quale libro si trova sul mio comodino e come mai.


SUL MIO COMODINO C’È...
"Meet Cute Diary" di Emery Lee
Uno young adult a tematica LGBT+.


SONO A... 
Pagina 3H 16Min. Sono praticamente a metà e se inizialmente ero partita davvero carica, ora il protagonista inizia a darmi veramente sui nervi. Non fa che parlare del suo blog - seriamente, lo cita in ogni frase che pronuncia. E poi sta sempre attaccato al cellulare - ma ehi, io sono un Millenial e non appartengo alla GenZ come lui, quindi per Noah ho automaticamente un piede nella fossa e non posso capire.


È SUL MIO COMODINO PERCHÉ... 
...l'avevo desiderato quando fu messo inizialmente su NetGalley - non ho potuto leggerlo allora quindi ho rimediato con l'ascolto su Storytel.

venerdì 10 settembre 2021

[Recensione] "This Is Why We Lie" di Gabriella Lepore

Torno già con una nuova recensione - guardate qua, forse ho ritrovato il mio ritmo!
 
Grazie alla Inkyard Press e a NetGalley per la copia digitale in anteprima
 
 
Titolo: This Is Why We Lie
Autrice: Gabriella Lepore
Data di uscita: 21 settembre 2021
Pagine: 320 (Kindle Edition)
Editore: Inkyard Press
Link Amazon: https://amzn.to/3sL3KbR

Trama [tradotta da me]: Tutti a Gardiners Bay hanno un segreto.

Quando Jenna Dallas e Adam Cole trovano il corpo di Colleen O'Dell che galleggia al largo della costa della loro città marittima, la comunità di Gardiners Bay è scossa. Ma ancora più scioccante è il fatto che il suo annegamento non sia stato un incidente.

Nel momento in cui la migliore amica di Jenna diventa la sospettata principale, Jenna comincia a cercare risposte da sola. Mentre scopre gli scandali nascosti alla Preston Prep School che portano alla scuola
Rookwood per giovani problematici, sa di avere bisogno di Adam dalla sua parte.

In quanto studente della Rookwood, Adam è abituato ad avere addosso occhi che lo giudicano, ma ora i suoi amici sono indagati dalla polizia. Adam farà tutto ciò che può per tenerli al sicuro, anche se questo significa fidarsi di Jenna.

Mentre le bugie si dipanano, la verità comincia a farsi nebulosa. Solo una cosa è certa: qualcuno deve prendersi la colpa.

--- ---

Oh, quanto è stato bellino questo mystery YA! 
Sapete bene che mi piace il genere e ammetto che la cover - e soprattutto il (colore del) font usato per il nome dell'autrice - ricorda moltissimo quella di Uno di noi sta mentendo di Karen M. McManus.


È l'alba di una mattina di fine settembre - Jenna si trova sul promontorio per scattare qualche foto per il suo portfolio quando sente una voce chiamare aiuto. Una volta corsa in spiaggia, quando raggiunge il proprietario della voce si accorge che si tratta di Adam e che tra le braccia porta il corpo gocciolante e senza vita di una ragazza, Colleen. 

Jenna e Colleen andavano a scuola insieme, anche se non si può esattamente dire che fossero amiche; Adam è un ragazzo che conoscono relativamente. 
 
Le vite di tutti quanti però sono più connesse di quanto possano immaginare - e i pettegolezzi di certo non aiutano. Così come non aiuta la lite che la migliore amica di Jenna, Hollie, aveva avuto con Colleen il giorno prima che questa morisse e a cui ha assistito tutta la scuola. 
Jenna però è convinta dell'innocenza di Hollie ed è pronta a scommettere tutto sui ragazzi della Rookwood - Colleen dal canto suo non era così innocente come tutti la stanno dipingendo: le piaceva fare festa e non mancava mai ai party organizzati dai Rooks. 

Tutti hanno un motivo per mentire: Jenna, Hollie, Adam, le altre ragazze della Preston amiche di Jenna, gli amici di Adam. 
Ma quello che tentano di proteggere mentendo riguarda solo loro oppure potrebbe anche nascondere un omicidio? 


Ho apprezzato moltissimo il doppio punto di vista: quello di Jenna ci porta in una scuola tutta femminile frequentata da ragazze ricche, in cui Jenna si trova solo perché sua madre ha fatto fortuna con il suo blog di viaggi e ha potuto mandarcela lasciandola intanto a vivere con la zia; quello di Adam ci porta quasi alla "porta accanto", alla Rookwood - una scuola dove ai ragazzi problematici dal passato incasinato viene data una seconda possibilità per raddrizzare la loro vita invece di finire in galera. 

Jenna e Adam non sono esattamente amici, ma si conoscono: l'altra migliore amica di Jenna, Serena, esce con uno dei migliori amici di Adam, Max. Jenna è stata qualche volta alle feste dei Rooks, ma non sono mai state la sua "scena" e non si è mai fidata troppo dei ragazzi di quella scuola. 
Ora però devono collaborare, ma è difficile smettere di mentire - soprattutto quando stai cercando di scoprire cosa sappia l'altro senza rivelare quello che invece sai tu. Jenna è determinata a scagionare Hollie ed è convinta che i ragazzi conoscessero Colleen più di quanto diano ad intendere, Adam è intenzionato a fare di tutto purché i poliziotti stiano lontani da lui, Max e Tommy. 

Le loro personalità le scopriamo poco a poco e Jenna mi è piaciuta in particolar modo perché mi sono rivista in molte sue caratteristiche: lei è sempre quella che cerca di mediare, di vedere in buono in una situazione e di giustificare le persone - mi ci sono rivista specialmente dal lato delle amicizie, quando cerca di non parlare mai male di nessuno in seguito all'abbandono di Serena in favore di ragazze più popolari come Imogen, Brianna e Colleen.
 
Adam invece è vittima delle circostanze e di un passato che non gli ha fatto alcun favore. I Rooks sono la sua confraternita con cui ha stabilito una fratellanza, Max e Tommy sono la sua famiglia - è leale fino all'impossibile. 

I flashback - sebbene a volte avrei gradito avere una collocazione temporale che li rendesse immediatamente chiari - aiutano a svelare ciò che ci siamo persi delle vite dei personaggi prima di incontrarli sulla spiaggia, gettano luce su alcune dinamiche e ci svelano come i protagonisti siano arrivati ad essere ciò che sono. 

Non ho avuto idea di chi fosse il colpevole fino a quando non mi mancava praticamente il 10% - solo allora ho cominciato a mettere insieme i pezzi e a ricordare alcuni dettagli che avevo letto in precedenza e che l'autrice ha collocato in punti strategici. 

Ha un ottimo ritmo, una scrittura accattivante che intriga il lettore e i capitoli - inframmezzati scambi di messaggi tra i personaggi e trascrizioni di interrogatori della polizia - sono brevi, della lunghezza giusta per farti dire "solo un altro" e improvvisamente ti ritrovi ad aver letto mezzo libro. 
Mi è piaciuto il modo in cui l'amicizia è stata rappresentata e in particolar modo mi è piaciuto come nessuno dei personaggi femminili incarnasse uno specifico cliché - persino Colleen, che qualche volta sembrava la mean girl di turno per le cose che diceva e il modo in cui sembrava comportarsi, aveva un lato buono e teneva a Serena a modo suo.
Peccato per il finale che è un po' affrettato - ci viene cosa succede e non mostrato, quindi un capitolo in più non avrebbe guastato per vedere le conseguenze su tutti quanti i personaggi coinvolti e non solo su alcuni (e poi neanche tanto). 

Resta comunque un buonissimo mystery YA, come buoni non ne leggevo da un pezzo perché avevano sempre qualche aspetto - mistero o personaggio - che mi deludeva. Questo invece è super-approvato!

mercoledì 8 settembre 2021

WWW.. Wednesday! #249

Dopo aver saltato una settimana usando la scusa del recap mensile - perché il primo del mese è caduto di mercoledì - torno su questi schermi con la solita rubrica.  
 
Sebbene abbia finito di lavorare non sono ancora riuscita a riposarmi per un giorno che sia uno perché sono sempre dovuta correre da qualche parte, ma forse ho riacquistato una sorta di ritmo - anche se il sonno non mi molla mai.


WWW Wednesday è una rubrica settimanale ideata da Should be Reading in cui vi mostro le mie letture passate, presenti e future.



What did you just finish reading? (Cos'hai appena finito di leggere?)


La principessa sul pisello di Luciana Littizzetto e Il momento è catartico di Flavio Oreglio facevano parte di quelle letture che mi ero tenuta per l'estate, convinta che sarei comunque riuscita a leggere qualcosa. Alla fine li ho letti a settembre giusto per non averli tirati fuori dallo scatolone per niente e che dire - sono figli del loro tempo, dell'inizio degli anni 2000: cliché e stereotipi e, soprattutto nel caso di Oreglio che però a Zelig mi faceva molto ridere, anche un po' di sessimo. 
Blackmail Boyfriend di Chris Cannon invece è stata la prima lettura che ho portato a termine con il periodo gratuito su Storytel - anche questa non è stata eccezionale, però è servita a farmi uscire dalla slump. Recensione QUI.
 
 
 
What are you currently reading? (Che cosa stai leggendo in questo momento?)
 

Sto leggendo
This Is Why We Lie di Gabriella Lepore - con questo sto decisamente andando spedita e ieri ho passato la metà. Si tratta di un mystery YA di prossima uscita negli USA e si alterna tra due punti di vista: non ho ancora idea di chi sia l'assassino, la protagonista sembra fin troppo candida ma ci sta e non vedo l'ora di arrivare alla fine. 
 
 
 
What do you think you'll read next? (Che cosa pensi di leggere dopo?)
 

Tornerò a Storytel con l'ascolto di Meet Cute Diary di Emery Lee - e speriamo bene, su Goodreads si passa dalle recensioni stellari a quelle ad una stella sola. 
Poi non lo so, vedrò cosa mi ispira su Storytel.  
 
---
 
Il primo WWW di settembre si conclude qui - voi siete tornati ad un ritmo normale oppure vi state ancora riprendendo dall'estate? 
Scrivetemi tutto nei commenti oppure lasciatemi il link del vostro post - ora dovrei essere più veloce a rispondere invece di fare passare giorni e giorni!