sabato 26 novembre 2016

[Book Tag] Un libro per ogni pizza

Miei cari, sono di nuovo qui con un book tag, ma non so se sto effettivamente migliorando nell'impresa di non citare sempre gli stessi libri. 
Me tapina. 

Comunque il tag di oggi l'ho pescato su blog di Sara di And I believe in a book again. Enjoy! 



SCHIACCIATINA: Un libro semplice, anche troppo!


Questa, più che una storia, è l'idea di una storia. È corta e incompleta e se sviluppata sarebbe potuta diventare un bel romanzo, ma sapete che c'è? Io l'ho adorata. Perché lui è Nick Hornby, perché è uno dei miei scrittori preferiti, perché anche in 65 misere pagine riesce a descrivere perfettamente le imperfezioni umane e relazionali. 


MARGHERITA: Un libro che va letto almeno una volta nella vita.


Ho letto 1984 di George Orwell solo lo scorso dicembre, ma erano anni che volevo farlo. È il distopico per eccellenza, è un libro che ti apre gli occhi su quanto possiamo venire influenzati e soprattutto su quanto ci lasciamo influenzare - su quanto vogliamo essere influenzati nella nostra vita. È un libro che ti apre gli occhi sulla cecità da cui siamo affetti, dal bisogno di credere e di obbedire fino a quando persino sognare è proibito. 


MARINARA: Un libro che non si è rivelato essere come pensavi.


Mi aspettavo qualcosa di divertente e allo stesso tempo profondo essendo David Nicholls l'autore di Un giorno - che però devo ancora leggere e quindi mi baso sulla trasposizione cinematografica, invece Le domande di Brian si è rivelato tutt'altro principalmente perché il protagonista è insopportabile.


CAPRICCIOSA: Un libro che ti ha dato dei problemi.


Premessa: questo è uno di quei rari casi in cui il film è meglio del libro. 
Ho amato il film di Nicolas Winding Refn, mi ha fatta uscire fulminata dalla sala come non mi succedeva da tempo e poi Ryan Gosling è uno dei miei attori preferiti - può anche non dire niente ed esprime tutto alla perfezione con le espressioni del viso. Ma il libro..
Non è tanto per il fatto che qui la storyline di Standard e Irina è separata da quella di Blanche e Nino e tutto è diverso dal film che ho tanto amato, quanto più al modo in cui tutto è raccontato. E, tanto per citarmi e tradurmi dalla mia recensione in inglese che trovate QUI: "..ma mi sono persa con i diversi flashbacks e non riuscivo a puntare il dito su cosa fosse accaduto prima - l'intera storia nella sua cronologia corretta, per intenderci. E forse è una debolezza da parte mia, ma non era scritto in un perfetto o tipico inglese e visto che sono italiana, mi sono trovata in difficoltà nel capire alcune frasi che sembravano troncate a metà. Come ho detto, forse è colpa mia, ma alcune frasi per me non avevano alcun senso e qualche volta ho dovuto rileggere la stessa frase un paio di volte prima di comprenderne finalmente il significato o chi fosse il personaggio che stava parlando." 
Io l'ho letto lo scorso novembre in inglese - so che è stato anche tradotto in italiano e magari in quel caso l'hanno reso più comprensibile. Amo il personaggio di Driver, ma a volte leggere è stato difficile. 


MONTANARA: Un libro che può essere definito completo.


Volevo metterne un altro di Nick Hornby, ma ringraziatemi per non averlo fatto. 
Rossa come l'amore perduto di Roberta Rizzo: amore, perdita, famiglia, ricerca di se stessi e delle proprie origini, amicizia e musica. Cosa volete di più?


PIZZA ALLA NUTELLA: Un libro che trasuda dolcezza.


Amo i gatti, lo sapete vero? Quelle deliziose - e ogni tanto graffianti - palle di pelo? Quindi cosa c'è di meglio di Prenditela comoda - L'arte di vivere felici secondo i gatti di Francesco Marciuliano per farsi salire un po' il diabete?
Tante foto di bellissimi gatti, dolcezza e risate assicurate mentre i nostri amici felini ci consigliano come vivere meglio la nostra vita. E se lavorate in un ufficio, di certo non potete perdervi la sezione dedicata all'argomento.

6 commenti:

  1. Pizza, adesso ho una voglia tremenda di pizza! :3

    Dei libri che hai citato non ne ho letto neanche uno, anche se credo che 1984 sia una mia grave mancanza e.e

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho mangiata due volte questa settimana, quindi sono a posto per un po'! xD
      1984 devi assolutamente recuperarlo! *-*

      Elimina
  2. Ciao, tra poco mangerò una bella (e buona) pizza e leggendo il tuo post mi hai fatto venire ancora più fame ;-) Concordo su 1984 e mi ispira molto l'ultimo libro, adoro i gatti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona cena, Ariel! :)
      L'ultimo libro è davvero ironico e divertente!

      Elimina
  3. Ammetto di non aver letto '1984', però lo ho!

    RispondiElimina